Ormai non è più possibile ignorarlo, non abbiamo più tempo per posticipare il problema, ma sopratutto non possiamo più rimanere neutrali e non schierarci.

I segnali che la Terra ci sta mandando non rendono più possibile nessun’altra interpretazione, la Terra come la conosciamo sta cambiando e potrebbe diventare non più ospitale per noi.

Se pensate che questa sia un’esagerazione o che questo non vi tocchi direttamente vi state sbagliando di grosso: alluvioni, venti fortissimi, aria irrespirabile, temperature elevate, difficoltà di coltivazione sono solo alcuni degli eventi che si stanno ciclicamente presentando negli ultimi anni.

Per dare un esempio concreto di quanto affermato, elenchiamo una piccola lista delle conseguenze del cambiamento climatico:

ottobre 2018 – Maltempo sull’Italia dell’ottobre-novembre 2018
“serie di calamità naturali che colpirono varie zone della penisola italiana dal 26 ottobre al 5 novembre 2018, causando un totale di 37 morti e danni per quasi 5 miliardi di euro (dei quali oltre la metà in Triveneto).”
https://it.wikipedia.org/wiki/Maltempo_sull%27Italia_dell%27ottobre-novembre_2018

28/29 ottobre 2018 TEMPESTA VAIA
“2fortissimo vento caldo di scirocco che, soffiando tra i 100 e i 200 km/h per diverse ore, ha provocato lo schianto di milioni di alberi con la conseguente distruzione di decine di migliaia di ettari di foreste alpine”
“Per quanto concerne le foreste, a causa del vento secondo le stime sono stati abbattuti 14 milioni di alberi (dato mai registrato in epoca recente in Italia)[30] su una superficie di 41.000 ettari. In Lombardia”
https://it.wikipedia.org/wiki/Tempesta_Vaia
https://www.youtube.com/watch?v=f3F2LSwOrzo

Un video che fa rabbrividire, assolutamente da vedere per capire cosa è successo, immagini da conflitto nucleare.
https://ilbolive.unipd.it/it/event/tempesta-vaia-gestione-rischio

novembre 2019 acqua alta a Venezia
“flagellata da eventi di “alta marea eccezionale”: si dice così quando il livello dell’acqua supera i 140 centimetri e oltre la metà di Venezia è invasa dall’acqua. Anche in questo caso, scorrendo le statistiche comunali balza agli occhi che, se tra il 1872 e il 2000 si sono registrati appena nove eventi eccezionali, dal 2000 a oggi siamo già a dodici.
https://www.wired.it/attualita/ambiente/2019/11/16/venezia-salvera-cambiamenti-climatici/?refresh_ce=

https://ilbolive.unipd.it/it/news/acqua-alta-venezia-187-centimetri-seconda-marea

novembre 2019 Matera

Questi sono solo pochi esempi in Italia, potremmo citare gli incendi in Australia o negli Stati Uniti, oppure le anomalie in Africane, ma ci basta citare questo caso per far capire la gravità della situazione.
9 febbraio 2019 in Antartide il termometro segna 20.75 gradi centigradi
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/In-Antartide-il-termometro-segna-20-virgola-75-gradi-centigradi-la-temperatura-piu-alta-mai-registrata-7716a36d-1b07-426f-aab8-ee3a91174f02.html

Omm: il 2017 tra i tre anni più caldi di sempre https://www.lifegate.it/persone/news/catastrofi-naturali-2017

Non c’è più tempo, dobbiamo schierarci e dobbiamo combattere con l’arma più potente che abbiamo, LA NOSTRA INTELLIGENZA !!!

Categorie: Natura

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *